Proprietà e altri diritti reali: tutto ciò che c’è da sapere

by Redazione
Diritti reali tutto ciò che c'è da sapere

I diritti reali sono uno degli argomenti più interessanti non solo della disciplina giuridica, ma anche in altri campi pratici. Sono disciplinati nel terzo libro del codice civile, che li identifica come quei diritti che conferiscono al soggetto la titolarità ed il godimento su di un bene.

Nella normativa di riferimento vengono anche identificati quali sono i beni che possono essere oggetto di diritto, e quelli che per legge ne sono esclusi. Inoltre, c’è una sostanziale differenza tra la proprietà ed il possesso. Detenere un oggetto infatti non comporta la proprietà immediata sullo stesso, ma può essere anche sinonimo di un possesso mediato.

Ma quali e quanti sono i diritti reali? E quali sono le loro caratteristiche? Abbiamo affrontato questi argomenti con l’Avvocato Federico Baglini (avvocatobaglini.it), avvocato con studi a Genova, Chiavari e Milano, esperto in Diritto Civile.

Quali sono le caratteristiche dei diritti reali?

All’interno del codice civile è possibile identificare le caratteristiche principali dei diritti reali. Nello specifico questi consentono ad un soggetto di avere il pieno ed immediato possesso di un bene, oltre che fornire allo stesso gli strumenti necessari per difenderne la titolarità. Le caratteristiche principali e comuni a tutti i diritti reali sono quattro:

  • Tipicità: non si possono creare diritti diversi da quelli indicati dalla legge;
  • Immediatezza: il proprietario può soddisfare il proprio interesse su un bene con il diritto di non essere turbato da nessuno;
  • Assolutezza: il titolare può far valere il suo diritto nei confronti di tutti gli altri soggetti in qualsiasi momento, i quali sono obbligati ad astenersi;
  • Diritto di seguito: il proprietario potrà avvalersi dei propri diritti nei confronti di qualsiasi soggetto, in quanto il diritto stesso è sempre collegato al bene e non al soggetto.

Diritti reali di godimento: cosa si intende

Si tratta di diritti reali minori, nel senso che non danno al titolare la pienezza di poteri tipica della proprietà ed inoltre vanno a gravare la proprietà di altri soggetti. La caratteristica principale di questi diritti è che permettono il soddisfacimento esclusivo dell’interesse dell’oggetto di diritto. Possiamo ricordare tra i diritti reali di godimento i seguenti:

  • Diritto di superficie: consente ad un soggetto diverso dal proprietario del terreno di costruire sulla superficie (o al di sotto del terreno) di un altro;
  • Usufrutto: il soggetto gode pienamente del bene ma non può cambiarne la destinazione economica.
  • Enfiteusi: il titolare (enfiteuta) gode del dominio sul fondo, ma è obbligato a migliorarlo, ed a pagare al proprietario un canone annuo;

Quali sono i diritti di garanzia?

Molto diffusi sono anche i diritti reali di garanzia, cioè pegno ed ipoteca, che attribuiscono al creditore il potere di espropriare i beni stessi per soddisfarsi sul relativo ricavato, indipendentemente da chi sia il soggetto proprietario dei beni su cui grava il diritto.

Nel caso del pegno, il proprietario di un bene mobile concede il possesso del bene a chi lo detiene per il tempo necessario ad estinguere l’obbligazione. Nell’ipoteca invece il soggetto rimane proprietario (o titolare di altro diritto reale) del bene immobile ipotecato, ed ha il diritto di godimento sullo stesso, anche se l’ipoteca si estinguerà solamente quando l’obbligazione assunta dal proprietario sarà terminata.

Condividi questo articolo su:
0 comment
0

Leggi altri articoli sul tema!

La tua opinione sull'argomento!