ARCADIA NEWS
IN ARRIVO UN AMPLIAMENTO DELLE MATERIE OBBLIGATORIAMENTE DESTINATE ALLA MEDIAZIONE.

“Penso ad un ulteriore allargamento delle materie obbligatoriamente destinate alla mediazione. Ed ancora al potere già oggi attribuito al giudice di imporre le parti del giudizio e di attivare il procedimento dove ne veda i presupposti. In quest’ottica di elevato interesse, ho voluto istituire una commissione di studi presso il Ministero con la finalità di segnalare proposte dirette alla armonizzazione e razionalizzazione del quadro normativo vigente.”

Queste importanti e condivisibili affermazioni sono state palesate  dal Ministro Orlando all’ultimo convegno CNF dello scorso 26 maggio 2016 nel corso del quale  ha sottolineato che: “ rispetto al 2013, le iscrizioni di nuovi affari di civile ordinario nel 2015 sono calate di circa 200.000. E nello stesso periodo sono calati anche ricorsi in Appello del -10%. Senza dubbio, i fattori che hanno inciso su questo decremento sono molteplici, e tra questi non ultima ha inciso anche la crisi economica. Ma un panorama di cause complesse non ci deve far trascurare l’incidenza che provvedimenti di degiurisdizionalizzazione hanno avuto sulla realtà che esaminiamo attraverso i dati”.

Nel corso del convegno  è emerso che il numero delle adesioni nelle procedure di mediazione è ancora basso ma che quando però la parte invitata compare, l’esito positivo delle mediazioni è del 43,5%. … “ Il che vuoi dire, semplicemente, che se le parti intendono effettivamente procedere oltre il primo incontro, vi è un’alta percentuale di possibilità che le stessi trovino un accordo..”.

Dunque, l’istituto della mediazione potrebbe ricevere a breve delle modifiche integrative e incisive, comprese quelle inerenti l’ampliamento delle competenze che andrebbero ad integrare l’art. 5 del decreto legislativo 28/2010. 

Penso ad un ulteriore allargamento delle materie obbligatoriamente destinate alla mediazione. Ed ancora al potere già oggi attribuito al giudice di imporre le parti del giudizio e di attivare il procedimento dove ne veda i presupposti
...
A sostegno di quanto enunciato dal Ministro Orlando si aggiungono i consigli che il Giudice Massimo Moriconi gli suggerisce e che ripete da anni:

" 1) rafforzamento delle sanzioni per i convocati non aderenti senza giustificato motivo (nell'accezione della giurisprudenza) 
2) valorizzazione del lavoro del giudice in questo campo, che è evidentemente necessario per indurre un maggior numero di magistrati a promuovere la mediazione demandata" 

 

Tempo di esecuzione: 0.048605918884277
Controller: News
Modelli: DettaglioNews
Template: news
Numero di query eseguite: 12
Numero di query preparate: 1
Lista tabelle interrogate:
array(2) {
  ["news"]=>
  int(2)
  ["pagine"]=>
  int(9)
}